TECHNICALS IN FOCUS EURUSD

Posted by

La rottura di area 1.11 ha spinto l’EURUSD sui minimi a due anni, sotto area 1.1050. Il primo target è in area 1.10, al di sotto del quale l’estensione mirerebbe direttamente verso area 1.0870, livello su cui è probabile che si possano vedere acquisti istituzionali. L’RSI non mostra ancora segnali di ipervenduto. Inoltre, l’uscita dalla lateralità dell’ultimo anno segnala l’inizio di un trend direzionale che rapidamente potrebbe raggiungere i target identificati

Market Report 01/08/2019

Come atteso, la Fed ha tagliato i tassi di interesse di un quarto di punto, con il costo del denaro che è sceso nella forchetta fra il 2 e il 2,5%. La banca centrale americana ha quindi annunciato il primo taglio dei tassi dal dicembre del 2008. Powell, tuttavia, si è limitato a un intervento nella parte più bassa della forchetta, mentre analisti e future sui Fed Funds scontavano la reale possibilità di un taglio di 50 punti base.

La domanda chiave rivolta Powell è stata se si trattasse di un singolo taglio o dell’inizio di una serie di interventi. A questa domanda Powell non ha risposto di fatto. In sede di press conference, il Presidente della Fed ha voluto accontentare tutti, finendo per dare un messaggio quanto più confuso e vago. Sostanzialmente tre le ragioni del taglio: il rallentamento macro, le incertezze sull’esito dei negoziati tra USA e CINA e l’andamento delle prospettive di inflazione.

Powell ha definito il taglio di ieri un “mid cycle adjustment” simile a quello fatto dai suoi predecessori in passato. Infatti, nel periodo compreso tra il 1995-96 ed il 1998 Alan Greenspan aveva seguito la stessa logica: ridurre moderatamente i tassi di interesse per prolungare l’espansione del ciclo macro. La Fed quindi non ha voluto vuole fare un pre-commitment su una serie di tagli dei tassi ma al contempo ha voluto dare un messaggio il più possibile rassicurante sul fatto che sarà pronta ad intervenire nuovamente qualora sia necessario.

La reazione dei mercati, come atteso, è stata negativa: lo scarso pre-commitment di Powell, unito ad un taglio di soli 25 punti base, hanno spinto gli indici americani ad una forte correzione, con chiusure negative per oltre il punto percentuale. Forte la direzionalità su EURUSD, che è andato a rompere il supporto di area 1.11, andando sotto 1.1050, il minimo a due anni.

Oggi usciranno i dati PMI nell’eurozona ed in Italia, Francia e Germania. Nel pomeriggio gli investitori attenderanno la pubblicazione dell’indice Manifatturiero ISM.

A cura di

Edoardo Fusco Femiano

Market Analyst etoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.