TECHNICALS IN FOCUS GOLD

Posted by

Il Gold è andato a fare un massimo a sei anni, in area $1.450. Su questo livello sono intervenute delle prese di beneficio che l’hanno riportato sotto area $1.430. La tenuta di questo livello è fondamentale ai fini di un secondo breakout sopra tale soglia. Se confermata la rottura, i prossimi livelli in focus sarebbero nuovamente area $1.450, $1.469 e $1.500. Per i mantenimento del trend rialzista in essere, è fondamentale la tenuta di area $1.400, al di sotto della quale il Gold andrebbe in inversione.

Market Report 24/07/2019

Sono stati i dati provenienti da mondo corporate a dominare la seduta di ieri, con gli indici americani che si apprestano a raggiungere nuovamente i massimi di periodo.

Le borse europee hanno scambiato a rialzo per la terza sessione consecutiva, sulla scia dei guadagni di Wall Street e delle borse asiatiche, con i titoli del comparto auto in testa. Le speranze che giovedì la Banca centrale europea taglierà i tassi di interesse di 10 punti base per stimolare la crescita economica alimentano un sentiment positivo della giornata, anche se rimangono alcune aspettative che la banca potrebbe preparare il terreno per un taglio dei tassi a settembre. I risultati di UBS, di Banco Santander e del fornitore di Apple AMS sono positivi e EuroStoxx50 e DAX chiudono largamente in positivo. Le case automobilistiche sono in testa ai guadagni tra i settori principali, con Daimler che è spinta dalla notizia che la società cinese Beijing Automotive ha acquistato una partecipazione del 5% nella società.

L’azionario USA si è mosso a rialzo nella seduta di ieri, dopo la diffusione dei risultati delle blue-chip americane tra cui Coca Cola e United Technologies, che mostrano utili positivi oltre le attese e incrementi dell’outlook. Coca-Cola ha guadagnato il 6%, registrando la migliore performance tra i titoli quotati sul Dow Jones. La performance di Coca Cola ha spinto al rialzo i titoli del comparto dei beni di prima necessità a sopra l’1%, la migliore performance tra i principali settori dell’S&P500. A rendere tonico il mercato l’accordo di ieri tra il presidente Usa Donald Trump e il Congresso Usa sulla proroga di due anni al tetto del debito e dei livelli di spesa pubblica, scongiurando il rischio di un default del governo entro l’anno. Il sentiment degli investitori è stato in parte oscurato dal Fondo Monetario Internazionale che ha abbassato le stime di crescita globale per quest’anno e il prossimo.

In UK, il conservatore Boris Johnson, che ha promesso l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea con o senza un accordo entro il 31 ottobre, sostituirà Theresa May in qualità di primo ministro dopo aver guadagnato i consensi dei Tories. Johnsonsi è aggiudicato i voti di 92.153 membri del partito conservatore, contro i 46.656 del suo rivale, il Segretario di Stato per gli affari esteri Jeremy Hunt. Il negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, ha detto oggi che l’Unione è pronta a lavorare con il prossimo primo ministro britannico, Boris Johnson, per una Brexit ordinata.

Oggi usciranno i dati relativi alla stima flash degli indici PMI in Francia, Germania ed eurozona, la vendita delle nuove costruzioni negli USA e le scorte settimanali di petrolio

A cura di

Edoardo Fusco Femiano

Market Analyst etoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.