TECHNICALS IN FOCUS GOLD

Posted by

Dopo la lateralizzazione, successiva al raggiungimento dei massimi di periodo in area 1.425, il Gold si trova in una congestione che sta portando alla formazione di un set up rialzista che, sopra i massimi, porterebbe ad un breakout con primo target in area 1.450, poi 1.470 ed infine 1.500 (massimo degli ultimi 8 anni). Solo un cedimento sotto area 1.380 porterebbe ad un possibile ritorno verso area 1.375 e 1.350.

Market Report 16/07/2019


Una seduta complessivamente laterale quella di ieri, in ragione di un newsflow incerto sul fronte macroeconomico, nonostante i buoni dati che arrivano dalla Cina, controbilanciati dai commenti negativi del ministro dell’economia tedesco circa le prospettive della prima economia europea.

Nella giornata di ieri, l’Asia ha chiuso in rialzo sulla scia dei dati positivi delle vendite cinesi e della produzione industriale, che indicano una certa stabilizzazione, con i dati economici del secondo trimestre che hanno soddisfatto le aspettative. La crescita economica cinese è rallentata al 6,2% nel secondo trimestre, al ritmo più lento degli ultimi 27 anni ma in linea con le aspettative degli analisti, con la domanda interna ed estera in calo penalizzata dalle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti.

In Europa, gli indici delle borse europee si muovono sui valori della chiusura precedente, appesantiti dai commenti poco fiduciosi sul settore industriale e dei servizi tedesco, che smorzano l’ottimismo alimentato dai dati sulla produzione industriale e sulle vendite al dettaglio cinesi.  Nello specifico, il ministero dell’Economia tedesco ha detto che il settore industriale procede a rilento e gli ultimi dati mettono in luce un rallentamento del settore servizi che deprime l’indice tedesco.

Venendo all’America, i tre indici principali di Wall Street registrano lievi cali rispetto ai massimi record della settimana scorsa, con i bancari che viaggiano in territorio negativo dopo il deludente trimestre di Citigroup. Citi alla recupera le perdite accumulate, ribaltando le perdite post release dei dati, ma pesa sugli altri istituti di credito a elevata capitalizzazione. La preoccupazione degli investitori è che il margine di interesse di Citi, ridottosi di 5 punti base, sia indicativo di ricavi e profitti minori per le banche Usa a grande capitalizzazione.

Nella giornata di oggi usciranno i dati relativi all’occupazione nel Regno Unito, l’indice ZEW in Germania e, nel pomeriggio negli USA, i dati sulle vendite al dettaglio e la produzione industriale.

A cura di

Edoardo Fusco Femiano

Market Analyst etoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.